iGamingItalia.it - Official Logo

a

adm-logo-agenzia-accise-dogane-monopoli-italia
adm-logo-agenzia-accise-dogane-monopoli-italia

LA GUIDA COMPLETA AL GIOCO LEGALE ONLINE IN ITALIA

iGamingItalia.it è il nuovo portale di riferimento per l’informazione relativa al gioco legale online in Italia. “iGaming” è infatti il nome con il quale ci si riferisce comunemente al settore del gioco d’azzardo a distanza tra gli addetti ai lavori, e questo sito – creato per l’appunto da professionisti con anni di esperienza nel settore – vuole offrire un punto di vista innovativo sul settore del gioco legale e regolamentato, capace di guidare i giocatori ad una scelta informata e sicura tra le innumerevoli offerte presentate dagli operatori italiani concessionari di licenza di gioco ADM (ex AAMS).

RECENSIONI AFFIDABILI PER GIOCARE IN SICUREZZA

iGamingItalia.it promuove i princìpi di Gioco Responsabile e la tutela del giocatore dai potenziali rischi legati al gioco d’azzardo. Per questo motivo, tutti i contenuti del sito sono pensati con l’obiettivo di mettere l’utente e le sue esigenze al primo posto: tutti gli operatori recensiti, siano essi Casinò online o siti Scommesse, sono in possesso di regolare licenza di gioco rilasciata da ADM – l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli – ovvero l’autorità statale che regola il comparto del gioco pubblico nel nostro Paese e verifica il rispetto degli adempimenti cui sono tenuti i concessionari di gioco.

Per la stessa ragione, tutte le recensioni dei giochi online – come ad esempio le Slot Machine, i Giochi da Tavolo oppure i Bingo online – vengono pubblicate solo dopo un’attenta analisi dei Pro e Contro, delle percentuali di ritorno al giocatore (RTP), della volatilità e di qualsiasi altro fattore che possa influire sulle probabilità di vincita.

Inoltre, tutti i Bonus e le Promozioni descritte sul sito, costantemente aggiornate per riflettere la reale offerta disponibile sul mercato, vengono studiate e testate dalla nostra redazione, per poterne mettere in luce non soltanto gli aspetti positivi – spesso più evidenti – ma anche le criticità e i risvolti meno ovvi, come le condizioni e i requisiti da soddisfare per sbloccare il prelievo delle vincite ottenute tramite saldo Bonus.

POKER, GIOCHI DA TAVOLO E LOTTERIE

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

GIOCO RESPONSABILE E TUTELA DEGLI UTENTI

Quello del gioco online, per quanto regolamentato e monitorato, non è un mondo fatto di sole vincite e divertimento. Se approcciato nella maniera sbagliata, può portare a conseguenze inattese, con risvolti negativi. Se credi che qualcosa non vada come dovrebbe nel tuo rapporto con il gioco d’azzardo, consulta la nostra guida al Gioco Responsabile: troverai tante informazioni utili sulla ludopatia, come riconoscerla, come prevenirla – ad esempio tramite appositi strumenti di tutela come limiti di deposito e l’autosospensione – e a chi puoi rivolgerti per ricevere un supporto specializzato.

STORIA DEL GIOCO D'AZZARDO IN ITALIA

Il gioco al tempo dei romani

La storia del gioco d’azzardo sembra legata indissolubilmente a quella del nostro Paese. Già in epoca romana, infatti, a partire dal V secolo a.C. era possibile scommettere su vari eventi come le corse di bighe e quadrighe, nonché sui combattimenti tra gladiatori. Nelle tabernae, inoltre, era molto popolare il Ludus Duodecim Scriptorum (“gioco delle dodici linee”), un gioco da tavolo che ricorda vagamente il Backgammon.

Dalle baratterie medievali alla nascita delle Lotterie

Verso la fine del Medioevo, poi, il gioco trovò una sua prima “casa” nelle baratterie. Luoghi pensati inizialmente come ritrovi, che finirono presto per trasformarsi nelle prime vere case da gioco della storia. Anche il Gioco del Lotto trova le sue radici in Italia e, più precisamente, deriva dalla pratica delle lotterie: il 9 gennaio 1449, a Milano, in piazza Sant’Ambrogio, si tenne infatti la prima lotteria italiana della storia, ideata dal banchiere Cristoforo Taverna per aiutare le casse dell’Aurea Repubblica Ambrosiana, ai tempi in guerra contro Venezia.

Il gioco nella cultura italiana

In tempi più moderni, il gioco d’azzardo troverà spazio anche nell’arte e nella letteratura italiana: basti pensare a I bari di Caravaggio, che nel suo dipinto del 1594 raffigura una truffa, messa in atto da due giocatori di carte ai danni di un giovane, o al romanzo di Luigi Pirandello Fu Mattia Pascal, nel quale trova spazio una lunga riflessione sul ruolo del gioco all’interno della crisi esistenziale dell’uomo, alla ricerca di valori in una vita tra gioia e tristezza, realtà e illusione.

In Italia nasce il primo Casinò al mondo

Il momento più importante per la storia del gioco in Italia, tuttavia, è probabilmente il 1638: anno in cui viene istituito il Casinò di Venezia. Il primo vero casinò al mondo, che ancora oggi ospita diverse migliaia di giocatori ogni anno, sebbene in sedi differenti rispetto a quella del XVII secolo. Solo nella prima metà del Novecento arrivarono infine i Casinò di Sanremo (1905), Campione d’Italia (1917) e Saint Vincent (1947).

Il gioco nell'era moderna: dalle prime concessioni statali al mondo online

A partire dal dopoguerra, il gioco d’azzardo in Italia vive una fase di deregolamentazione e si arriva dunque al rilascio delle prime concessioni per lotterie e Totocalcio. A partire dal 1994, con lo Stato in cerca di nuove fonti di entrate fiscali, trovano spazio le prime società come SNAI, Sisal e Lottomatica, mentre di lì a poco sarebbero partiti i primi progetti pioneristici basati sul gioco online grazie ad aziende come Microgaming e Playtech.

I campionati Mondiali di Calcio di Francia 98 sono il primo avvinemento sportivo sul quale hanno potuto scommettere gli italiani, ma moltre altre liberalizzazioni sarebbero avvenute a breve: nel 1999, infatti, il Governo D’Alema decreta la nascita delle sale Bingo, con i Comuni che ottengono la facoltà di rilasciare le licenze. Nel 2003 arriva anche l’autorizzazione alle Slot Machine su via libera del Governo Berlusconi, mentre nel 2005 arriva la terza giocata per il Lotto e le giocate Big Match, insieme a numerose concessioni e autorizzazioni per corner e centri scommesse in tutto il territorio italiano.

FAQ - DOMANDE FREQUENTI SUL GIOCO LEGALE IN ITALIA

Gli operatori di gioco legale in Italia sono riconoscibili tramite il numero di concessione relativo alla licenza di gioco ricevuta dall’ente regolatore ADM. Tale numero è sempre visibile sul sito web del concessionario di gioco, spesso a fondo pagina. Se non lo trovi o hai dubbi sulla liceità di un operatore, consulta la nostra lista dei siti ADM (ex AAMS), oppure visita il sito dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

I siti stranieri degli operatori di gioco che non dispongono di licenza ADM (ex AAMS) non sono autorizzati alla raccolta del gioco a distanza in Italia e pertanto vanno considerati alla stessa stregua dei siti illegali. Spesso, tali siti vengono oscurati nel nostro Paese, tuttavia esistono rimedi che consentono l’accesso agli utenti più imprudenti che ancora vogliono accedervi. Avere a che fare con siti senza licenza ADM equivale a giocare senza alcuna tutela: potreste non ricevere mai le vostre vincite e non avere alcun organo di controllo al quale appellarvi.

I siti degli operatori di gioco legale italiani sono spesso oscurati all’estero per impedire l’accesso e la registrazione da parte di cittadini non residenti in Italia e quindi non autorizzati a giocare. Pertanto, pur essendo un cittadino residente in Italia – o addirittura, pur avendo già un conto aperto – potresti avere difficoltà a giocare mentre ti trovi in una località straniera. Alcuni utenti provano a raggirare il problema connettendosi a un software VPN per cambiare il proprio indirizzo IP, ma non è una pratica vista di buon occhio dalla maggior parte degli operatori.

Verificare la propria identità presso i siti degli operatori di gioco è un processo necessario e fondamentale. Spesso è sufficiente l’invio di una copia fronte-retro di un documento d’identità in corso di validità. L’operatore utilizzerà i tuoi dati nel rispetto delle norme sulla GDPR, principalmente per verificare che i dati inseriti in fase di registrazione siano corretti, che tu sia maggiorenne e, in ottica anti-riciclaggio, per controllare che i metodi di pagamento utilizzati per depositare i fondi sul conto gioco siano effettivamente intestati a te, così da abilitarti al prelievo delle vincite.

Esistono diversi motivi per i quali potrebbe non esserti ancora possibile prelevare le tue vincite:
  • Stai giocando su un sito senza licenza ADM e pertanto i tuoi fondi non sono tutelati;
  • Non hai completato la verifica dell’identità o del tuo metodo di deposito/prelievo;
  • Se hai usufruito di un Bonus, potresti non aver ancora soddisfatto tutti i requisiti che ti abilitano al prelievo.
In qualsiasi caso, rivolgiti all’assistenza clienti dell’operatore di gioco in questione per ricevere assistenza e, se credi che siano stati violati i tuoi diritti, considera la possibilità di effettuare una segnalazione ad ADM.

Gli utenti dei concessionari di gioco con licenza ADM (ex AAMS) non devono preoccuparsi di pagare alcuna tassa sulle vincite. Gli operatori, infatti, trattengono gli importi dovuti all’erario prima di erogare le vincite, le quali vengono accreditate quindi già tassate. Analogamente, le vincite ottenute al casinò online e sui siti scommesse legali non vanno dichiarate nella dichiarazione dei redditi. Per saperne di più, visita la nostra pagina dedicata alla tasse sulle vincite nei giochi in Italia.

Non hai trovato quello che cercavi o vuoi condividere la tua opinione?

Facci sapere cosa ne pensi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti è piaciuto questo contenuto?

Condividilo sui social e aiutaci a crescere!
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on reddit

I contenuti presenti su questo sito sono pubblicati a mero scopo informativo e comparativo. Le indicazioni sulle offerte degli operatori con regolare licenza ADM sono pubblicate in conformità con il Decreto Legge 87/2018, escludendo concetti fuorvianti e rispettando i principi di trasparenza. Si seguono, inoltre, le linee guida indicate da AGICOM al punto 5.6 nella Delibera n. 132/19/CONS.